REGISTRO ANAGRAFICO

DELLE POPOLAZIONI OVINE E CAPRINE AUTOCTONE

A LIMITATA DIFFUSIONE

 

(foto: Istituto di Zootecnica Generale Facoltà di Agraria Università di Palermo)

 

NORME TECNICHE DELLA POPOLAZIONE CAPRINA

 

“MESSINESE”

 

STANDARD DELLA RAZZA

 

Descrizione della popolazione.

 

A) Origine e diffusione

 

Razza caprina autoctona dei monti Peloritani e Nebrodi. Viene allevata allo stato brado e semi-brado nelle zone montane della provincia di Messina e nelle aree limitrofe delle province di Enna, Catania e Palermo, caratterizzate da condizioni ambientali particolarmente difficili.

 

B) Caratteri tipici della popolazione

 

Taglia - Medio-piccola.

 

Testa - Piccola, leggera, più grossa e triangolare nel maschio, profilo fronto-nasale rettilineo.

Folti peli nella zona frontale, sia nei maschi che nelle femmine, Talvolta assenti.

Occhi grandi, vivaci ed espressivi.

La testa è di norma provvista di corna in ambo i sessi. Corna non eccessivamente sviluppate nelle femmine: diritte, sottili e rivolte all’indietro poco curvate, o piatte alla base con tendenza alla torsione. Nei maschi corna molto sviluppate divaricate e tendenti alla torsione.

Orecchie di medie dimensioni, orizzontali o semipendenti di lato.

Barba e tettole quasi sempre presenti sia nei maschi che nelle femmine.

 

Collo - Leggero, di media lunghezza, ben attaccato.

 

Tronco - Torace e addome mediamente ampi. Regione dorso-lombare a profilo rettilineo. Groppa spiovente. Borsa scrotale ampia con testicoli ben sviluppati, presenza di capezzoli.

 

Apparato mammario - Di tipo pecorino con capezzoli ben diretti e conformati, in qualche caso capezzoli lunghi e grossi.

 

Arti - Leggeri, di media lunghezza con unghielli solidi, compatti di colore da ardesia al chiaro.

 

Mantello - Molto eterogeneo; uniforme, pezzato e screziato. Di colore nero bianco, marrone e rosso nelle varie combinazioni e sfumature. Pelo generalmente lungo; più lungo e più ruvido nel maschio.

 

Pelle e pigmentazione - Stesso colore e tonalità del mantello. Morbida, fine ed elastica.

 

C) Dati biometrici e riproduttivi

 

 

Maschi adulti

Femmine adulte

Altezza al garrese

72

67

Altezza toracica

33

31

Larghezza toracica

20

17

Lunghezza del tronco

69

64

Circonferenza toracica

87

80

Peso kg

55

38

Fertilità: 88%.

Prolificità: 125%.

Fecondità: 110%.

 

Età media al primo parto: 15 mesi.

 

D) Caratteri produttivi

 

Latte prevalentemente caseificato per la produzione di formaggi tradizionali locali.

 

Produzione media:

 

Primipare

  80 litri in 150 gg.

Secondipare

100 litri in 180 gg.

Pluripare

120 litri in 180 gg.

 

E) Indirizzi di gestione della riproduzione

 

Gli indirizzi di gestione della riproduzione hanno come obiettivo primario la valorizzazione della produzione del latte, prevalentemente destinato alla trasformazione casearia, talora miscelato con il latte di altre specie (bovini - ovini), per la produzione di particolari formaggi tipici e tradizionali delle aree di allevamento; tale obiettivo primario viene, comunque, perseguito senza trascurare il mantenimento delle caratteristiche di rusticità e prolificità e l’attitudine alla produzione della carne (capretto). Gli indirizzi di gestione della riproduzione si prefiggono il miglioramento delle caratteristiche morfologiche e della mammella in particolare, unitamente all’attitudine al pascolamento in alta collina e montagna con specifica attenzione alla correttezza degli arti.

 

 

CRITERI D’ISCRIZIONE DEI SOGGETTI AL REGISTRO

 

Registro Anagrafico Giovane Bestiame

 

Vengono iscritti al Registro Anagrafico Giovane Bestiame i soggetti maschi e femmine nati in allevamento iscritto al Registro Anagrafico delle popolazioni ovine e caprine autoctone a limitata diffusione, figli di padre e madre iscritti al Registro Anagrafico.

Allo scopo di allargare quanto più possibile la base di registrazione è consentita in via provvisoria la possibilità di iscrivere soggetti di ascendenza sconosciuta in possesso dei caratteri di razza.

 

 

Registro Anagrafico Capre

 

Vengono iscritte al Registro Anagrafico Capre le capre sottoposte ai Controlli della produttività che abbiano partorito almeno una volta e abbiano riportato nella valutazione somatica il punteggio minimo di 60 punti:

 

a)                  provenienti dal Registro Anagrafico Giovane Bestiame:

·                    con almeno una lattazione, anche in corso, ufficialmente controllata;

·                    con almeno una generazione di ascendenti iscritta al Registro Anagrafico;

 

b)                 di ascendenza sconosciuta purché in possesso dei requisiti funzionali:

·       abbiano conseguito le seguenti produzioni minime di latte in almeno una lattazione ufficialmente controllata:

 

_____________________

Lattazione di riferimento

Categoria

gg.

Lt.

 

 

 

Primipare

150

70

Secondipare

180

90

Pluripare

180

110

 

Allo scopo di allargare quanto più possibile la base di registrazione è consentita in via provvisoria l’iscrizione al Registro Anagrafico Capre delle femmine di ascendenza sconosciuta che abbiano partorito almeno una volta e abbiano riportato nella valutazione somatica il punteggio minimo di 70 punti.

 

 

REGISTRO ANAGRAFICO BECCHI

 

Al Registro Anagrafico Becchi vengono iscritti i maschi:

·        che abbiano raggiunto l’età minima di 8 mesi;

·        provenienti dal Registro Anagrafico Giovane Bestiame.

 

Sezione IVengono iscritti al Registro Anagrafico Becchi Sezione I i maschi aventi i seguenti requisiti:

 

 

Allo scopo di allargare quanto più possibile la base di registrazione è consentita in via provvisoria l’iscrizione al Registro Anagrafico Becchi Sezione I dei maschi di ascendenza sconosciuta che abbiano riportato nella valutazione somatica il punteggio minimo di 70 punti.

 

 

Sezione II – Becchi che possono essere destinati anche alla Inseminazione Artificiale.

            Vengono iscritti al Registro Anagrafico Becchi Sezione II i maschi aventi i seguenti requisiti: